Se sei un giovane ambizioso…

Se sei un giovane ambizioso e non vuoi vivere una vita di frustrazioni, allora è bene che tu diventi un esperto di Sistema, perché il mondo sta per cambiare e quello nuovo non permetterà ai giovani come te di crescere. Il mondo sta per cambiare in un modo tale da impedire ai non esperti di Sistema di farsi una vita degna di chiamarsi tale.

Cosa significa essere un esperto di Sistema?

Essere un esperto di Sistema significa sapere come funziona il mondo, nei dettagli.

Il mondo funziona in base a un meccanismo ben preciso, che è il Sistema, che è basato su principi che sono in perfetta linea con la naturalità della vita dell’uomo e con il suo interesse a prosperare.

Prosperare significa migliorare sempre di più le proprie condizioni di vita, cioè andare a stare sempre meglio. L’uomo può dire di migliorare le proprie condizioni di vita quando riesce sforzarsi sempre meno per procurarsi tutte le cose che gli servono per stare bene.

Conoscere il meccanismo approfonditamente significa sapere come funziona il mondo, per davvero, ed è un obbligo morale, se si vuole avere una vita sotto l’insegna della libertà e della prosperità.

Più del 90% della popolazione non consoce il Sistema, o lo conosce in minima parte, il che significa che il mondo è popolato per lo più da persone che non sanno come funziona il mondo, perché il Sistema è il mondo e il mondo è il Sistema. La gente soffre perché non sa come funziona il mondo, e il miglior modo per stare sulle balle alla gente è quello di dirglielo e dimostrargli che è vero.

Per dimostrare alla gente che non sa come funziona il mondo, bastano tre domande, che sono le seguenti:

  1. Come funziona il mondo? (la domanda più ovvia e più diretta)
  2. “Su quali principio è basata la vita dell’uomo?”
  3. Quali sono le tre cose più importanti e fondamentali di cui gli uomini hanno bisogno per stare bene?

La risposta alla prima domanda è “il mondo funziona in base a un meccanismo fondato sull’interesse naturale dell’uomo a crescere e a prosperare”

La risposta alla seconda domande è “Sul principio di recipricità che è il seguente: l’uomo deve darsi da fare per procurarsi le cose che gli servono per stare bene, creando allo stesso tempo le condizioni affinché anche altri possano fare altrettanto.”

La risposta alla terza domanda è “la salute, i soldi e la libertà”, con l’ultima la più importante, perché senza di essa non si può essere felici e la felicità è l’obiettivo di ognuno di noi. Prova a chiedere a dieci, venti, cinquanta persone cosa gli serve per stare bene. Chiedi di nominare tre o cinque cose, che credono siano essenziali nella loro vita per poter dire “sto bene”, e vedrai che nessuno citerà la libertà. Questo perché nessuno ne parla. Non se ne parla in televisione, non se ne parla sui giornali, non se ne parla sui libri di scuola… non se ne parla nemmeno in Internet, se non in gruppi, canali YouTube o blog dedicati alla filosofia, che non è un argomento di massa, ma per pochi.

La gente non deve pensare né a essere libera, né a prosperare.

  • Categoria dell'articolo:Varie

Lascia un commento